Spremute di agrumi? C’è Viceversa!

CondividiShare on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn

Oggi tutti conoscono i benefici e le proprietà della frutta spremuta: le vitamine contenute nel succo infatti, hanno la caratteristica di pulire lo stomaco e disintossicare gli organi dell’apparato digerente. Va detto però che non tutti hanno la volontà e la pazienza di spremere ogni giorno della frutta, considerando che spesso bisogna faticare (soprattutto se si desiderano spremere decine di frutti) e magari creare dello sporco considerando le inevitabili gocce che fuoriescono e vanno a sporcare il piano di lavoro. Tutto questo non avverrà più se ci si avvale di uno spremiagrumi elettrico moderno e funzionale quale lo spremiagrumi Tix by Viceversa, veramente il massimo in fatto di praticità e comodità. Lo spremiagrumi elettrico Tix è al momento il massimo presente sul mercato, grazie alle sue funzioni innovative e studiate appositamente per garantire sempre il massimo della facilità di utilizzo.

Questo ottimo utensile vanta 2 coni infrangibili che consentono di spremere tranquillamente ogni frutto, dal più piccolo al più grande, ed una base antiscivolo che consente un utilizzo sicuro anche quando si fa pressione per spremere la frutta. Il pratico beccuccio con sistema anti sgocciolamento stop&go inoltre, consente sempre di poter spremere tutta la frutta che si vuole senza che si crei dello sporco intorno, riuscendo così a lavorare più velocemente ed evitare di dover pulire il piano di lavoro ogni qualvolta si utilizza lo spremiagrumi. Il beccuccio che consente il passaggio diretto del succo nel bicchiere inoltre, fa si che non venga sprecata nemmeno una goccia e non ci siano residui su nessun altra superficie. È davvero lo strumento perfetto per tutti coloro che sono soliti spremere della frutta ma sono stanchi di utilizzare utensili scomodi e antiquati. Al tempo stesso, è anche una splendida opportunità per fare un regalo assolutamente gradito a chi lo riceverà.

CondividiShare on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn